martedì 13 novembre 2012

FONTANIERE COMUNALE SCOPERTO PER UNA FALLA

Prima la raccolta delle olive, poi le falle della rete idrica comunale

Trapani - Timbrava il cartellino poi via a raccogliere olive. Denunciato un trapanese, 54enne, per truffa aggravata ai danni del Comune di Trapani ed interruzione di pubblico servizio. Un fontaniere comunale è stato colto in flagranza dai carabinieri della Stazione di Locogrande, insospettiti, nei giorni scorsi, che le strade della frazione Rilievo del capoluogo provinciale fossero insolitamente invase dall’acqua fuoriuscente da alcune falle della rete idrica comunale, senza che i disservizi fossero gestiti dal fontaniere del Comune, addetto al controllo della rete idrica comunale. Accertata l’assenza del dipendente comunale, addetto al controllo della rete idrica, hanno monitorato l’uomo ed hanno
scoperto che, anziché svolgere le funzioni per cui veniva pagato, si recava assiduamente in un terreno di sua proprietà in Contrada Portelli/Misiliscemi, coltivato ad oliveto. Alcuni giorni fa è scattato il blitz. Il dipendente comunale, ignaro di essere controllato, è stato seguito dai militari in borghese sin dalle prime ore del mattino. Filmato con una telecamera mentre timbra l’entrata in servizio presso l’autoparco comunale, invece di compiere le previste mansioni di fontaniere del Comune, l’uomo è ritornato a casa e, parcheggiata l’auto di servizio, si è cambiato gli abiti raggiungendo il suo terreno intento a raccogliere le olive. Le operazioni sono state continuamente monitorate dai carabinieri con l’ausilio di una videocamera, sino a ieri quando, di concerto con la Procura della Repubblica di Trapani, sono intervenuti sorprendendo in flagrante il dipendente assenteista, ignaro di essere osservato dai militari. Il dipendente pubblico, di cui non sono state rese note le generalità, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per il reato di truffa aggravata continuata e interruzione di pubblico servizio.